Red Hot Chili Peppers

Red Hot Chili Peppers – The Gataway

Onestamente, i primi due singoli scelti per presentare il nuovo album dei Red Hot Chili Peppers non mi avevano convinto appieno. Ne avevo apprezzato le differenze rispetto al passato, che anticipavano un certo cambio di rotta, forse aiutato dall’arrivo di Danger Mouse alla produzione, ma non riuscivano a rimanermi in testa. Ascoltare The Getaway nella sua interezza, invece, aiuta a comprendere meglio quella scelta e, allo stesso tempo, lascia pensare ad una band vogliosa di dimostrare di non essere rimasta ferma ai tempi di Californication. Capiamoci, gli elementi cardine della musica della band sono ancora tutti presenti, ma questa volta la voglia di rinnovarsi per davvero ha avuto la meglio su tutto il resto. Cinque anni tra un album e il successivo non potevano non portare alcuna variazione tra due dischi così differenti tra I’m With You e quello che ci troviamo tra le mani. I toni più malinconici del gruppo tendono ad uscire con più insistenza e, nonostante Chad Smith continui a pestare come un dannato sulle pelli, la band pare meno in vena di cazzate e più matura. L. A. non è certo sparita dai radar di Kiedis e soci, come dimostra perfettamente un brano come Sick Love, ma è la presenza di brani come We Turn Red e, soprattutto, la conclusiva Dreams Of A Samurai a spiazzare il fan di vecchia data. Insomma, chi non li sopportava prima molto probabilmente continuerà a farlo, per tutti gli altri The Getaway sarà una piacevole sorpresa. Oltre che l’occasione di tornare presto dal vivo in giro per il mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *